NOTEDIMARCO: Bianco

  

                                          BIANCO
                                 
by Marco Candida 

Nel Novembre di quattro anni fa stavo parlando a Cuneo con Giorgio Fontana e Giuseppe Bottero di Mario Desiati che aveva appena tenuto un incontro assieme a Walter Siti nell’ambito di Scrittoriincittà. Faceva freddo. Mi avevano messo in un albergo in periferia. Come la Winters sapeva bene (tenuta al telefono lamentandomi per quasi tutto il tempo) non ero molto contento della mia sistemazione e cosi’ stavo cercando di impressionare Fontana e Bottero affinché mi dessero un passaggio fino all’ albergo. Ora, bisogna sapere che quando ho freddo, cerco un passaggio e non sono contento della mia sistemazione in albergo sono in grado di dire a chi mi ascolta qualsiasi cosa… E adesso non ricordo bene che cosa stessi dicendo ma ricordo che mentre parlavo, qualcuno alle mie spalle ha preso la parola e ha cominciato a contraddirmi. Mi sono voltato. In queste cose sono allenato. Su Internet è una battaglia continua. Ci si contraddice uno con l’altro in continuazione. Così anche questa volta ero pronto a combattere. Solo che mi sono ritrovato davanti un angelo vestito di bianco con i capelli biondissimi e gli occhi come due folgori azzurre. Quell’angelo sembrava aver disceso tutti e sette i cieli del Paradiso giusto soltanto per venire a dirmene quattro. Io per rispondergli sono riuscito a mettere insieme solo qualche parola. altro che Internet, anche se sono, per così dire, ontologicamente bianco (il mio nome è Marco Candida), devo ammettere che il biancore di quell’angelo mi ha abbacinato e messo subito fuori combattimento. Siamo rientrati. L’angelo mi ha sorriso. Poi,  è scomparso. Due mesi piu’ tardi alla Fnac durante una presentazione di Il diario dei sogni di nuovo con Giuseppe Bottero ho prelevato il volume di La solitudine dei numeri primi da uno scaffale. Assieme a Giuseppe Bottero ho guardato la nota biografica nel risvolto di copertina e dalla foto ho riconosciuto l’angelo. Era Paolo Giordano. Bottero e io siamo scoppiati a ridere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...