1.000 caratteri: Umberto Cutolo

                                                     Qualche consiglio in 1.000 caratteri per    un  racconto di 1.000 caratteri (spazi inclusi)
                                 by Umberto Cutolo

Bisogna essere brevi, concisi, condensati e risparmiare battute in ogni modo. A cominciare dai nomi. Dunque, il protagonista Ugo, lei Ida, l’altro eventuale Ben. Meglio ancora un taglio autobiografico: io (che andrebbe bene anche in un racconto a sfondo mitologico). O dialogico: io e tu (ma salta il taglio mitologico: Io e Zeus sono due battute in più).
Attenti anche all’ambientazione: la città ideale sarebbe Ur, ma si trovava in Mesopotamia. Il tempo dei verbi? Il presente indicativo, più o meno storico; da evitare assolutamente il passato prossimo con l’ausiliare aggiuntivo. Talvolta (meglio «talora» è una battuta in meno) il passato remoto: alla terza persona singolare è contratto e si risparmia un carattere.
Proibitissimi i superlativi con i loro «suffississimi» e gli accrescitivoni, ma anche (incredibilmente) i diminutivini e i vezzeggiativucci.
Del resto, per una biografia (consigliata), bastano tre parole: nacque, visse, morì. «Tutto il resto», come disse Verlaine, «è letteratura».

Umberto Cutolo è nato a Roma il 10 maggio 1946, il che significa che è stato concepito nei giorni in cui gli Americani sganciavano la bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki. Incurante di un atto così politicamente scorretto, nell’adolescenza si è dedicato alla letteratura umoristica, producendo testi in prosa e in versi assai apprezzati dai suoi compagni di scuola. Diplomatosi con la media del 6,3, ha continuato a far ridere per altri 40 anni, ma praticando la professione del giornalista, attività che continua a svolgere nonostante il pensionamento. Ha ripreso a scrivere (grazie a Dio saltuariamente) testi che si ostina a definire umoristici, non solo lui stesso, ma anche la sua unica lettrice: la figlia Carolina.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 1.000 caratteri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...